mercoledì 21 maggio 2008

la Commedia dell'Arte

Gli attori già son tutti in scena!
Il sipario s'apre ai lati!
Vi racconterò la pena
dei campani castigati

Gli eventi ormai son avvenuti
Si svela nitido il copione;
L'emergenza dei rifiuti
trova la sua soluzione:

"termovalorizzatori
a tutti quanti i bimbi buoni!".

E che si fa ai contestatori?
che diciamo ai caciaroni?

"il segreto v'è di Stato

la galera a chi si oppone
così il popolo incazzato
vien ridotto alla ragione!"



Truffaldino vuole i sghei,
e Pulcinella la paga cara
Così è la vita, cari miei
Si fa sempre più amara.

E nemmanco si pensasse
che l'emergenza fosse pegno
di un'ardita invenzione,
di un astuto marchingegno,

di un sottile trucchettino
per crear inceneritori
che al nostro santo Truffaldino
piaccion più dei digestori.

la gentaglia stia attenta!
non c'è più sor Balanzone...
or c'è Capitan Spaventa
per chi al Truffaldin s'oppone.


Fin

6 commenti:

Papa Satan Aleppe ha detto...

Link inserito.
Ciao

Federico ha detto...

Bella! L'hai scritta tu?

Alfiere ha detto...

si, l'ho scritta io :)

Ema ha detto...

Per una volta non sono d'accordo. A parte la poesia che è godibilissima ;)
Lasciamo per un attimo da parte i termovalorizzatori: i rifiuti da qualche parte devono andare. La "qualche parte", vista l'urgenza, sono le discariche, preferibilmente non quelle della Camorra (perché ricordiamoci che tutto il casino dei rifiuti a Napoli e dintorni è cominciato, guardacaso, proprio quando due anni fa sono state scoperte e chiuse alcune grandi discariche mafiose...). Parliamoci chiaro, le discariche ce le abbiamo in tutte le regioni e ovunque siano non rappresentano meta di turismo, diciamo così. Però da qualche parte devono stare, e d'altronde la "monnezza" sta meglio lì dentro che per strada. Quindi almeno per fronteggiare nell'immediato il problema puzza-topi-salute (anche se ora ci dicono che la salute non è un'emergenza) ben vengano le discariche fuori città e ben venga qualsiasi mezzo sia necessario per riuscire a riempirle.

Alfiere ha detto...

Come ho già avuto a scrivere da qualche altra parte, queste misure in parte le capisco e le condivido... io sono sempre stato convinto che "purtroppo la medicina deve essere amara", il problema è che non mi fido di chi questa medicina me la somministra.

Come puoi leggere anche dal riquadro "oggi non potete perdervi", ho apprezzato anche l'ultimatum ai comuni in fatto di raccolta differenziata.

Ciò che non mi scende giù, invece, è che finalmente la commedia è finita, con l'esito previsto: termovalorizzatori visti come "liberazione"...

ci sono arrivati apposta fino a questo punto. E i campani, poveracci, ne faranno le spese...

il casino a Napoli è nato 20 anni fa. E non mi scende giù che si sia aspettato 20 anni per fare qualcosa.. non mi scende che in questi vent'anni vi siano state centinaia di discariche abusive di materiale tossico... è normale che in queste condizioni anche le discariche "legali" diventino un "di più" che fa rizzare i capelli in testa alla popolazione.

La crisi va risolta, e forse così la risolveranno. Mi dà fastidio tutto il teatrino che c'è stato e che c'è intorno, mi dà fastidio la parte da eroe che si ritaglierà poi Truffaldino, mi dà fastidio che si sia aspettato che la situazione diventasse insostenibile per poter poi agire in modo "violento", relegando le proteste a "contestazioni no global".

Le cose andavano risolte ben prima. E' ipocrita ora spianare i fucili e dire "visto come sono stato bravo?"

Ema ha detto...

Il bello è che hanno la scusa di poter dire "chi c'era prima di me non ha combinato nulla, io adesso sono arrivato e adesso faccio". E hanno pure ragione, grazie alla brillante idea del nostro precedente governo di mettere un De Gennaro a capo dell'emergenza (uno che alle spalle ha una caterva di successi come capo della polizia, vedi G8 di Genova). Purtroppo è facile fare gli eroi in una situazione del genere e vedrai che tutti i napoletani che hanno messo i cartelli "Berlusconi santo subito se ci levi i rifiuti", dopo aver protestato un po' sotto la spinta di sappiamo chi, guarderanno le strade più o meno grigie (invece che variopinte di rifiuti) e diranno "Meno male che Silvio c'è". Ora pro nobis.

Art. 1 bis

L'Italia è una Repubblica Ipocrita fondata sulle Emergenze.

Emergenza odierna: ODIO E AMORE

Emergenze "risolte"
(?): CANI KILLER, STUPRI, RIFIUTI, TERREMOTO, FEBBRE SUINA, , PETROLIO, ALITALIA, MALTEMPO ,SICUREZZA , IMMIGRAZIONE CLANDESTINA, GIUSTIZIA AD OROLOGERIA,NOEMIGATE, RIFIUTI IN SICILIA... la lista non è da ritenersi esaustiva