lunedì 12 maggio 2008

"Per parlare di energia ci vuole un Festival"

The image “http://83.224.70.3/www.festivaldellenergia.itt/img/festival_marchio.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.

“L'energia spiegata. Festival dell'Energia” (Lecce, 16-18 maggio 2008)

Il primo appuntamento globale per affrontare i temi più scottanti in tema di energia con una prospettiva integrata e improntata al dialogo e alla divulgazione.

Cambiamento climatico, ritorno del nucleare, accesso all'energia, ruolo delle fonti rinnovabili.
Insieme ai temi "alti" della politica e dell'industria, spettacoli, mostre, giochi, film, per una tre giorni piena di energia.

"Percorsi al futuro" il titolo di questa prima edizione.


Milano, 06 marzo 2008 - Lecce capitale dell'energia con un Festival nazionale per la prima volta dedicato interamente al tema. Il prossimo maggio il capoluogo salentino sarà teatro di incontri, dibattiti, laboratori e spettacoli, tutti all'insegna di uno dei cardini principali dello sviluppo mondiale: l'energia.

L'energia spiegata. Per parlare di futuro, di risparmio energetico e di energie possibili. Per promuovere una cultura capace di conciliare ambiente, sicurezza e sviluppo. Nelle strade e nelle piazze di Lecce il grande pubblico incontrerà esperti e scienziati, divulgatori e giornalisti, politici ed economisti, per una tre giorni piena di energia.

Progettato e realizzato da Aris, Agenzia di Ricerca Informazione e Società, in collaborazione con Assoelettrica, l'associazione confindustriale che riunisce le principali imprese operanti nel comparto elettrico, il Festival dell'Energia di Lecce si propone come primo appuntamento trasversale e integrato a livello nazionale per fare il punto su uno dei temi più impattanti a livello mondiale per lo sviluppo, l'economia e l'ambiente. Con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia e del Comune di Lecce, dell'Università del Salento, della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, della Fondazione Politecnico di Milano, della FAST - Federazione Associazioni Scientifiche e Tecniche, e con la partnership editoriale della Gazzetta del Mezzogiorno e di Quotidiano Energia.

Stiamo attraversando un momento storico in cui la preoccupazione per gli effetti del cambiamento climatico, le incertezze sul futuro energetico del Paese, le contestazioni alla realizzazione di impianti e infrastrutture diventano sempre più il riflesso di una nazione che si dibatte tra la tensione verso il progresso da una parte e il timore dei danni irreversibili all’ambiente e alla salute dall’altra.
In questo contesto è indispensabile un momento di confronto elevato, super partes e allo stesso tempo popolare, divulgativo, accessibile sul tema dell’energia e su come l’Italia potrà affrontare il necessario adeguamento del proprio sistema energetico in maniera sostenibile e rispettosa dell’uomo e del suo habitat.

Spiegare. Divulgare. Confrontarsi. Dibattere. Divertirsi. Emozionarsi. Imparare. Sono questi i verbi cui è stato scelto di legare la parola Energia e cui sono dedicate le diverse iniziative suddivise nelle quattro aree tematiche della manifestazione: Conversazioni, Sperimentazioni, Emozioni, Interazioni.

Percorsi al futuro” è il tema di questa prima edizione del Festival. Attraverso gli incontri, i talk show, i summit, si cercherà di approfondire l’analisi del panorama energetico attuale per arrivare a delineare il volto delle energie possibili, delle energie future.

Sul portale del Festival, www.festivaldellenergia.it, una descrizione dettagliata dei protagonisti, degli eventi, delle iniziative previsti dalla manifestazione: un programma in costante aggiornamento. Attraverso il portale, il pubblico potrà prenotare gli appuntamenti, creando una propria agenda, e conoscere da vicino i gli ospiti, gli sponsor, i partner, le istituzioni che hanno reso possibile questa importante iniziativa, destinata a riproporsi anno dopo anno come appuntamento chiave per un impostare un nuovo percorso per il futuro energetico del Paese.

Non mi è piaciuto molto l'accenno al nucleare ma... speriamo bene. Mi sembra una bella iniziativa mirata allo sviluppo sostenibile.









Copia e incolla il codice nel tuo Blog!
Scrivi a Matrix


1 commento:

Federico ha detto...

Grazie per la segnalazione! sembra interessante...

Art. 1 bis

L'Italia è una Repubblica Ipocrita fondata sulle Emergenze.

Emergenza odierna: ODIO E AMORE

Emergenze "risolte"
(?): CANI KILLER, STUPRI, RIFIUTI, TERREMOTO, FEBBRE SUINA, , PETROLIO, ALITALIA, MALTEMPO ,SICUREZZA , IMMIGRAZIONE CLANDESTINA, GIUSTIZIA AD OROLOGERIA,NOEMIGATE, RIFIUTI IN SICILIA... la lista non è da ritenersi esaustiva