giovedì 1 maggio 2008

Sindrome da Grande Fratello

Fonte: Rainews24
Le dichiarazioni pubblicate sono quelle del 2005 Visco ha disposto la sospensione alla diffusione su Internet dei dati delle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti dopo la decisione del Garante che aveva imposto la protezione dei dati personali nella riunione di oggi, rilevando anche che "per tale forma di diffusione sussistono allo stato evidenti e rilevanti problemi di conformita' con il quadro normativo in materia". L'Autorita' ha invitato i "mezzi di informazione a non divulgare i dati estratti dagli elenchi resi disponibili in Internet dall'Agenzia con le predette modalita"'.

Sono 132 i nomi dei vip che sono stati pubblicati dal quotidiano 'Italia oggi', tratti dal sito dell'Agenzia delle entrate che ha messo on line i redditi 2005 degli italiani. Per il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Massimo Romano, l'intento della pubblicazione on line è fornire ai cittadini "un quadro di trasparenza". Ma non tutti apprezzano e fioccano le polemiche, mentre il sito dell'Agenzia delle Entrate va in tilt per l'eccesso di contatti. Ribatte Romano: "L'Autorita' Garante per la protezione dei dati personali ha autorizzato la pubblicazione degli elenchi con decisioni del 17 gennaio 2001 e del 2 luglio 2003". La privacy, insomma, non sarebbe stata violata.

Ma dagli uffici del Garante si fa sapere che "l'iniziativa dell'Agenzia delle entrate non è mai stata sottoposta all'attenzione del Garante della privacy. Il collegio è convocato per il pomeriggio di oggi per esaminare la questione".

L'Adoc sta ricevendo migliaia di telefonate da parte di cittadini preoccupati e impauriti, a causa della pubblicazione, sul sito web dell'Agenzia delle Entrate, dei redditi di tutti gli italiani relativi al 2005. "E' una palese violazione della legge sulla privacy, la 196/2003, e un pericolo per l'aumento della criminalita' e della violenza, dato che sono stati pubblicati dati sensibili sui redditi, ghiotta fnte d'informazione per i criminali -commenta Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc, l'associazione nazionale per la difesa e l'orientamento dei consumatori.

Nella lunga lista dei big italiani c'è un po' di tutto. Anche l'ex viceministro dell'Economia, Vincenzo Visco, e il direttore dell'Agenzia delle entrate, Massimo Romano. Ci sono i grandi nomi della moda, da Roberto Cavalli a Dolce e Gabbana. Ci sono scrittori come Andrea Camilleri. Numerosi sono gli attori, tra cui Sabrina Ferilli, Roberto Benigni, Claudio Amendola, Manuela Arcuri e Fabio Volo.

Tra i conduttori televisivi, immancabili Maurizio Costanzo e Maria De Filippi, Daria Bignardi e Paolo Bonolis. Alla voce veline, Elisabetta Canalis, 'accompagnata' dal suo ex Christian Vieri. E numerosi sono anche gli sportivi come Simone Inzaghi, Gennaro Gattuso, Alessandro Costacurta e Daniele De Rossi.

Tra gli imprenditori non mancano Marina Berlusconi, Fedele Confalonieri, Luca Barilla, Leonardo Del Vecchio, John Philip Elkann, Franzo Grande Stevens e Francesco Gaetano Caltagirone, la neo presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia e il vicepresidente Alberto Bombassei. Infine ci sono direttori dei giornali, come Ferruccio De Bortoli, Maurizio Belpietro e Paolo Mieli.

"Risposta" della Agenzia delle Entrate:

''La legge stabilisce la pubblicita' dei dati''. A precisarlo, in un secondo comunicato, e' l'Agenzia delle Entrate dopo che il Garante della Privacy ha deciso di bloccare la pubblicazione on line dei redditti dei cittadini. ''La predisposizione degli elenchi nominativi dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione dei redditi -sottolinea in una nota l'Agenzia delle Entrate- e' prevista dall'articolo 69 del Dpr numero 600 del 1973. Si tratta di una norma che nella attuale formulazione e' stata introdotta nel 1991. In vigore, quindi, da molti anni. Analogo adempimento e' previsto dall'articolo 66 bis del Dpr numero 633 del 1972 per la predisposizione degli elenchi dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione annuale Iva''. Le disposizioni, precisa l'Agenzia, ''hanno la chiara finalita' di realizzare un quadro di trasparenza dei dati in possesso dell'Amministrazione finanziaria in tema di dichiarazioni fiscali mediante la pubblicazione di appositi elenchi. L'Agenzia ha predisposto un elenco relativo ai residenti di ogni Comune. La predisposizione e la consultabilita' degli elenchi non e' quindi una novita'''.
Che dire. Beppe si è arrabbiato da morire per questa cosa... ma io credo che sia un problema tutto italiano: la stessa morbosità che spinge l'italiano medio a guardare i reality e le risse televisive ha fatto sì che il sito della Agenzia delle Entrate fosse letteralmente preso d'assalto.

Un popolo di evasori che si precipita a vedere chi è stato più bravo a frodare il fisco. Un popolo che gode del pettegolezzo, degli altarini svelati, degli scheletri nell'armadio. Un popolo degno di una commediola di serie B, che si indigna se qualcuno svela i trucchetti che adopera per "tirare a campà".

Un popolo di invidiosi, di pettegoli, di maniaci, di falsi perbenisti, di guardoni e truffatori.

Tutti a inveire perchè in questo modo veniva violata la legge sulla privacy... nessuno che sottolineasse che se ciascuno si facesse i fatti propri, l'esposizione di questi dati su internet non sarebbe neppure stata notata. Tantopiù che i dati sono GIA' pubblici, ma senza internet per essere visti necessitavano di scoprirsi, di mostrare la propria faccia. Non di certo un attività adatta a noi bravi voyeurs.

Ma di cosa mi stupisco? Nutrivo forse qualche residua speranza sull'onestà intellettuale degli italiani?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao.... forse ci conosciamo... penso che va bene quello che è stato detto e fatto ma tuttosommato non mi piace l'aidea che qualcuno possa per così dire "i conti in tasaca"

Alfiere ha detto...

Allora anzichè gridare allo scandalo bisognerebbe migliorare il servizio... ad esempio facendo sì che per consultare i dati personali ci si debba identificare nel sito dell'Agenzia delle Entrate e non possano essere visualizzati in modo anonimo.

Art. 1 bis

L'Italia è una Repubblica Ipocrita fondata sulle Emergenze.

Emergenza odierna: ODIO E AMORE

Emergenze "risolte"
(?): CANI KILLER, STUPRI, RIFIUTI, TERREMOTO, FEBBRE SUINA, , PETROLIO, ALITALIA, MALTEMPO ,SICUREZZA , IMMIGRAZIONE CLANDESTINA, GIUSTIZIA AD OROLOGERIA,NOEMIGATE, RIFIUTI IN SICILIA... la lista non è da ritenersi esaustiva